GIORNO / NOTTE
Home » , , , , » PSP FFVII 10th Anniversary Limited (PSP-2000 ZS)

PSP FFVII 10th Anniversary Limited (PSP-2000 ZS)

nome-icona

Articolo a cura di Domenico Leonardi

Per festeggiare il decimo anniversario dal rilascio su PlayStation di Final Fantasy VII in Giappone, Square-Enix e Sony realizzarono la speciale PSP Crisis Core: Final Fantasy VII - FFVII 10th Anniversary Limited (PSP-2000 ZS).

Realizzata in sole 77.777 unità, questa edizione limitata è costruita sul nuovo modello Slim (PSP-2000) di PlayStation Portable. Di colore argento, sul retro ha serigrafati l'immagine e il logo stilizzati di Final Fantasy 7 e il numero univoco della console.



E' stata annunciata da Sony e Square Enix il 17 luglio 2007 durante l'evento PlayStation Premiere (in foto) ed è stata rilasciata esclusivamente in Giappone il 13 settembre 2007 al prezzo di 25.980 Yen (circa 154 euro), ben una settimana prima del nuovo modello PSP-2000 slim, previsto per il 20 settembre.

Per la prima volta, un editore di terze parti (cioè esterno a Sony) immetteva sul mercato la revisione di una console prima del rilascio ufficiale.

La PSP FFVII 10th Anniversary Limited, come ovvio, andò a ruba. Già poche ore dopo l'apertura dei negozi era esaurita quasi ovunque. In quella settimana, secondo i dati Famitsu, le vendite di PSP raggiunsero le 99.340 unità. La settimana successiva, grazie ancora al traino di Crisis Core: Final Fantasy VII ma anche al lancio del nuovo modello Slim, PSP raggiunse le 263.538 unità vendute.

All'interno della confezione trovavano posto, oltre alla speciale PSP FFVII 10th Anniversary Limited numerata, anche una copia del gioco Crisis Core: Final Fantasy VII e il Buster Sword Strap, un cinturino raffigurante la "Buster Sword", la spada che Cloud sfoggia in Final Fantasy VII.

Inoltre prenotando il gioco o la console si ottenevano anche un paio di cuffie (in foto) con sopra impresso il logo del decimo anniversario di FFVII.

Lo stesso modello speciale di PSP giunse nel 2008 anche in Europa come edizione limitata ma, a differenza del modello giapponese, non era limitata ad un numero esatto di unità e dunque non presentava alcun numero univoco sul retro.