PlayStation Generation
La Storia di PlayStation
dal 1988 ad oggi.
Home » , , » Intervista a Patrick Seybold, per i 15 anni di PlayStation

Intervista a Patrick Seybold, per i 15 anni di PlayStation

Articolo a cura di Domenico Leonardi

Sony, nel lontano 1994, con l'introduzione della PlayStation originale, apportò tante di quelle novità da riuscire a cambiare il mercato. In occasione del quindicesimo anniversario di PlayStation, avvenuto nel novembre del 2010 (in USA ed Europa) il sito playstationlifestyle.net, ha realizzato un'intervista con Patrick Seybold, Senior Director, Corporate Communications & Social Media di SCEA. Patrick ha assistito in prima persona all'evoluzione del marchio PlayStation e grazie alla redazione di PSLS ecco cosa ci ha raccontato in questo estratto:

PSLS: Qual è stato il momento più cruciale della storia di PlayStation?
Patrick Seybold: Il momento più determinante nella storia di PlayStation è avvenuto proprio con l'introduzione della PlayStation originale sul mercato. Siamo riusciti a cambiare la mentalità del consumatore su quello che poteva essere l'home entertainment. Nel 1995, le console basate su cartuccia, erano la norma e di conseguenza l'esperienza di gioco era stata limitata dalla quantità di dati grafici e audio che tale supporto era in grado di contenere. PlayStation, con la sua tecnologia basata sul CD e l'hardware potente, ha offerto alla comunità di sviluppo, una spazio molto aperto per creare dei capolavori. In quel periodo, l'industria videoludica segnava 2,6 miliardi di $ di fatturato. Oggi ha superato i 20 miliardi, ed è chiaro che PlayStation ha influenzato fortemente questa crescita. Tutto è iniziato nel 1995 con la PlayStation.

Come ci si sente ad essere associati ad una società che ha veramente cambiato il panorama videoludico?
In qualità di dipendente PlayStation, sono orgoglioso di fare parte di una società che ha sempre promosso l'innovazione sia nel campo dei videogiochi che nell'home entertainment. Quando guardo indietro, molte delle innovazioni tecniche che abbiamo inserito nella nostra console, dai CD sulla PSone, al lettore DVD su PS2 che per milioni di famiglie è stato il primo, per poi ripetere l'impresa con PS3 e il Blu-ray, è chiaro che abbiamo contribuito molto nel rendere la console anche un sistema primario per l'home entertainment.

Sony ha dovuto superare molte sfide per diventare leader del settore. Quale è stato secondo te l'ostacolo più significativo?
Ci sono sempre ostacoli dietro le aziende, i prodotti e i marchi di successo e naturalmente, anche noi abbiamo affrontato i nostri. La bellezza della nostra storia consiste proprio in questo; nonostante le sfide incontrate, abbiamo continuato e perseverato. PlayStation è stata la console leader per più di due generazioni successive, cosa mai accaduta prima. Il settore rimane molto volubile, e PlayStation 3 e PlayStation Network stanno proseguendo sul loro passo, ma c'è ancora molta strada da fare nel nostro ciclo di vita di 10 anni per PS3.

Il cloud computing e la distribuzione digitale potrebbe essere il futuro del gioco. Che strada prenderà PlayStation nei prossimi 15 anni?
La distribuzione digitale è in aumento, in particolare con le giovani generazioni, ma non è così per tutti. Continueremo a lavorare a stretto contatto con i nostri rivenditori per consentire loro di offrire i nostri contenuti come giochi, film ed esclusive, attraverso ogni metodo di acquisto.

Mentre è molto difficile prevedere cosa succederà nei prossimi 15 anni, penso che vedremo una molto più profonda e coinvolgente esperienza di rete. Con tutto quello che abbiamo all'orizzonte da offrire e con tutto il nostro patrimonio, non vedo l'ora di vedere l'evoluzione dei prossimi 12 mesi, per non parlare dei prossimi 15 anni...


Main menu