PlayStation Generation
La Storia di PlayStation
dal 1988 ad oggi.

PlayStation Magazine Ufficiale - 2006

Articolo a cura di Domenico Leonardi


In Italia, la rivista PlayStation 2 Magazine Ufficiale proseguì dal numero 58 sotto un nome nuovo;  PlayStation Magazine Ufficiale Italia. Una ridenominazione generica che arrivò in vista del lancio di PlayStation 3, ma anche per la presenza sul mercato di PSP che si affiancava all'ormai anziana PS2. Dunque una rivista dedicata a tutte le console Sony.

La "nuova" rivista comunque per trasmettere un senso di continuità, mantenne la numerazione della precedente PS2MU. Del resto la rivista restò in mano alla stessa redazione e alla stessa casa editrice, la Play Press Publishing divenuta poi Play Media Company, che sino a quel momento avevano gestito la PlayStation 2 Magazine Ufficiale.

PlayStation Magazine Ufficiale Italia conta un totale di 66 numeri pubblicati nel corso di 6 anni con l'ultimo numero, il 124, rilasciato nel dicembre del 2012.


 A sinistra la versione con un nuovo font PlayStation
a destra la versione con ultimo font PlayStation

La controparte britannica di questa nuova edizione generica della rivista ufficiale si chiama PlayStation Official Magazine - UK.  Venne introdotta nel Regno Unito per la prima volta nel Natale del 2006 ed andò ad affiancare la versione dedicata a PS2.  E' ancora in corso e si compone di 103 numeri (Dicembre 2014). Questa è la prima copertina più inserto speciale su PS3:


Primo numero di PSOM UK - Clicca per ingrandire

Il Demo Disc ha continuato la sua storia passando anche per questa versione di PlayStation Magazine Ufficiale. Il disco era in formato Blu-ray e dedicato alle versioni di prova per PlayStation 3.


In Italia purtroppo non vennero pubblicati tutti i Blu-ray Demo realizzati da SCE (solo la versione UK conta l'intera pubblicazione). Da metà 2009, infatti, Play Media Company dopo aver offerto per molto tempo la rivista in due versioni, una con Demo Disc ed una senza, decise di abbandonare del tutto l'edizione con Demo Disc per mantenere esclusivamente l'edizione liscia e più economica.

Volgeva alla conclusione l'era dei Demo Disc, anche per via della nascita dei servizi digitali. Su PSP e PS3 era possibile, infatti, scaricare tutte le demo dei giochi direttamente dal PlayStation Store, rendendo i dischi demo solo una spesa superflua e non più un valore aggiunto per la rivista come era stato sino a quel momento.